martedì 2 novembre 2010

Per i nostri cari defunti


Oggi, 2 novembre, noi cristiani facciamo memoria dei nostri fratelli defunti. Ognuno di noi ha tanti cari da ricordare,  tra familiari ed amici, che ora vivono nel riposo eterno, che in qualche maniera continuano a comunicare con noi, ci sono vicini come angeli custodi e  vivono nel nostro cuore.
La morte cari amici è qualcosa che spaventa tutti gli uomini, ma la morte, per il  cristiano, non rappresenta la fine di tutto ma solo l'inizio di un'altra vita, quella eterna vissuta in contemplazione continua del Volto Glorioso di Cristo. E' chiaro che si tratta di una verità di fede, quella fede che ci fa sperare nella morte e resurrezione di Gesù, quella fede che ci aiuta a vivere nonostante tutto. 
 La Chiesa, con il suo insegnamento,  ci parla di "Comunione dei santi" e ci viene subito da pensare a tutti quei santi scritti sul calendario, ma non è così...per santi si intendono tutti coloro che, morendo in Cristo, ora godono, anche se non ancora in maniera perfetta, della comunione con Dio, sono tutte quelle anime del purgatorio che ci chiedono preghiere e che pregano tanto per noi...la morte non spezza quel rapporto d'amore che avevamo con loro quando erano in vita, anzi, lo rafforza e lo rende ancora più autentico.
Ricordiamo i nostri cari e preghiamo per loro perchè anche noi, un giorno, saremo nella loro stessa condizione, perché un giorno, vicino o lontano, ci ritroveremo tutti insieme a lodare il Signore per le tante meraviglie che vedremo in Paradiso. 
Propongo una bellissima preghiera tratta dalla tradizione  bizantina.




Dio degli spiriti e di ogni carne,

che calpestasti la morte e annientasti il diavolo

e la vita al tuo mondo donasti;

tu stesso o Signore,

dona all'anima dei nostri servi  defunti

il riposo in un luogo luminoso, in un luogo verdeggiante,

in un luogo di freschezza,

donde sono lontani sofferenza,

dolore e gemito.

Quale Dio buono e benigno

perdona ogni colpa da loro commessa con parola,

con opera o con la mente;

poiché non v'è uomo che viva e non pecchi;

giacché tu solo sei senza peccato,

e la tua giustizia è giustizia nei secoli

e la tua parola è verità.

Poiché tu sei la risurrezione,

la vita e il riposo dei nostri servi defunti,

o Cristo nostro Dio, noi ti rendiamo gloria,

assieme al Padre tuo unigenito,

con il santissimo buono e vivificante tuo Spirito,

ora e sempre e nei secoli dei secoli.

Riposino in pace.

Amen



(Tradizione Bizantina)



2 commenti:

  1. Grazie di questa bellissima preghiera, sorellina.

    RispondiElimina
  2. Grazie a te mia cara!
    Un abbraccio...

    RispondiElimina